News

IN LIBRERIA “STORIA E STORIE DELL’AGRICOLTURA PIEMONTESE”

La storia degli ultimi cinquant’anni dell’agricoltura piemontese è stata, per molti versi, una straordinaria avventura che ha preso le mosse dall’istituzione delle Regioni, nel 1970, ed è proseguita con l’ingresso dell’Italia nell’Unione Europea. Un’avventura tutto sommato poco indagata per cui è sembrata cadere al giusto punto, pochi mesi prima dell’approvazione della nuova legge quadro regionale sull’agricoltura che sostituisce la storica “63” del 1978, l’uscita in libreria del volume “Il Piemonte agricolo tra memoria e futuro” edito da Nerosubianco e scritto da Salvatore Vullo.

L’autore, di origini siciliane ma torinese di adozione da ormai quasi mezzo secolo, è stato, dopo una breve esperienza di lavoro all’Alleanza Contadini di Torino (poi Confcoltivatori e’ infine Cia), è diventato un funzionario, prima dell’Esap e poi dell’assessorato agricoltura della Regione Piemonte, diventandone negli anni un importante punto di riferimento.

Il volume, scritto su basi documentarie, ma sovente anche su personali ricordi e testimonianze, racconta, in brevi ma documentatissimi capitoli, l’evoluzione dell’agricoltura in Piemonte negli ultimi cinquant’anni, tra vitivinicoltura, zootecnia, risicoltura, frutticoltura, corilicoltura, sistema lattierocaseario, ma anche attraverso il ritratto dei tanti protagonisti di questa evoluzione e degli enti e strutture che hanno caratterizzato e ancora oggi caratterizzano la vita del cosiddetto settore primario dalla fine degli anni del boom ad oggi in Piemonte.

(Salvatore Vullo – Il Piemonte agricolo tra memoria e futuro – Nerosubianco ed. (CN) – Pag. 238 – 18 euro)

Related posts

L’Agrifestival Cia porta in tavola teatro e tartufo

admcia

Convegno: Controlli in cantina, Haccp, etichettatura

admcia

Le priorità di Cia per il Governo e la Regione

admcia